all in teacher kit | Sezione tre

Social Books Creator
Vai a Obiettivi e metodiVai a Valutazione della capacità di imparare a imparare

Per chi è Social Books Creator?

Social Books Creator è gratuitamente disponibile per docenti ed educatori che vogliono utilizzare e sperimentare una risorsa digitale finalizzata alla promozione dell’inclusione.

Non può essere strettamente identificato come uno strumento digitale o una tecnologia assistiva, sviluppato solo per un particolare gruppo target di studenti, anche se è stato progettato partendo dalla necessità di essere adeguato per studenti con disabilità intellettiva lieve, come indicato nell’introduzione di All-In Teacher Kit.

Grazie alle sue caratteristiche e peculiarità, SBC risponde a una varietà di bisogni educativi e può essere utilizzato da docenti ed educatori nonostante la composizione eterogenea di una normale classe.

Metodologia

Social Books Creator è una metodologia dell’insegnamento e dell’apprendimento, radicata in un quadro teorico pedagogico che unisce le pratiche di apprendimento cooperativo alle competenze digitali al fine di raggiungere risultati formativi più inclusivi e significativi.

Tale quadro teorico è altamente rispondente all’era dell’innovazione digitale e si riferisce alle teorie dell’apprendimento focalizzate sull’impiego di applicazioni web per scopi didattici e di apprendimento.

Dietro all’idea di All-In Social Books c’è la convinzione che il contesto dell’apprendimento, sia formale che informale, debba offrire una proposta formativa che tenga in considerazione la dimensione di interconnessione tra gli individui.

Impariamo meglio quando impariamo insieme in una comunità collaborativa dove ognuno supporta e incentiva gli altri.  

Diversificare gli strumenti e le metodologie didattiche è un modo per rispondere al bisogno di una progettazione universale per l’apprendimento che permetta l’espressione della varietà dei modi di apprendere degli studenti.

Registrazione

Per accedere a Social Books Creator, è obbligatoria la registrazione. Sono necessari un indirizzo e-mail valido e una password.

COME FUNZIONA SOCIAL BOOKS CREATOR?

SBC presenta due principali aree di lavoro: 

1) Un archivio online di libri di testo digitali, altamente accessibili, chiamato Social Books Cooperative Press
Social Books Cooperative press è una libreria online che raccoglie contenuti digitali categorizzati dagli utenti attraverso dei tag. I contenuti possono essere filtrati per argomento, autore, data e funzioni editoriali di accessibilità. L’opportunità di ordinare i risultati di una ricerca sulla base del livello di accessibilità, significa che è possibile selezionare solo i documenti con mappe concettuali, vale a dire, solo i documenti creati per utenti con disabilità cognitive.  

2) Un editor online di ebooks per la creazione cooperativa di contenuti digitali aperti e accessibili, chiamato Social Books Editor

Con Social Books Editor, gli utenti hanno la possibilità di adattare l’interfaccia in base al proprio stile cognitivo, utilizzando un modello precostituito. Tuttavia, possono anche essere guidati con istruzioni o tutorial nella definizione di un format personalizzato per il proprio ebook. L’accessibilità dell’editor è inoltre garantita dall’integrazione di strumenti compensativi, come per esempio, un software per le mappe concettuali.
Social Books editor è ottimizzato per creare libri di testo digitali, disponibili su più dispositivi, con particolare attenzione ai dispositivi mobili e gli eReader, più comuni tra gli studenti.
Tutte le funzionalità e le attività che si possono svolgere con Social Books Creator sono descritte nel dettaglio nel manuale disponibile all’interno della web app.
SBC offre un sistema di condivisione degli ebooks’, con un numero indefinito di collaboratori. L’editor e l’archivio sono disponibili nelle cinque lingue dei paesi partner: italiano, spagnolo, tedesco, olandese, rumeno, più l’inglese.

ESEMPI DI ATTIVITÀ CON SOCIAL BOOKS CREATOR:

Prima di iniziare con la descrizione dei possibili usi individuali e collaborativi di SBC, sono necessarie alcune precisazioni: questi esempi non esauriscono la gamma di utilizzi che la web app offre. Devono essere considerati come stimoli e suggerimenti per un approccio iniziale a un nuovo strumento, confermando la natura operativa di All-In Teacher Kit.
Si raccomanda di leggere tutte le opzioni e poi scegliere quale attività svolgere, in quanto alcune sequenze di operazioni sono comuni o possono essere implementate in ogni attività.

Le prime due attività non richiedono il coinvolgimento degli studenti; sono concepite come un lavoro preliminare che i docenti conducono fuori dalla classe, i cui risultati dovrebbero però essere indirizzati agli studenti.

La pianificazione della durata delle attività non è semplice da definire: in tutti i casi, dipende dall’ampiezza dell’argomento/i che il docente decide di trattare. Per esempio, la terza attività può coprire la durata dell’intero anno scolastico, se il docente vuole costruire con i suoi studenti i contenuti del curriculum disciplinare. In questo caso, la creazione di un Social Book diventa un continuo work in progress da completare alla fine dell’anno scolastico, come risultato del lavoro collaborativo annuale. In altri casi, un Social Book può contenere una parte di argomenti rispetto a una specifica porzione del curriculum disciplinare. È facoltà dei docenti pianificare, organizzare e adattare l’estensione degli argomenti.

I nuovi Social Book pubblicati saranno a disposizione dell’intera comunità scolastica e di tutti gli utenti appartenenti alla comunità di Social Books Creator.
Rispetto alla valutazione delle attività implementate con gli studenti, i principali riferimenti sono le aree incluse nel documento Digcomp 2.1 (si veda la sezione valutazione).

Ogni attività è descritta nel dettaglio e include:

1. Condizioni di migliore applicabilità:

sono indicati i gruppi target diretti e indiretti per i quali si consiglia l’attività; può anche indicare il livello scolastico suggerito;

2. Requisiti:

strumenti, materiali, interazioni con specifici professionisti necessarie per l’implementazione dell’attività, come presentata nell’esempio;

3. Descrizione:

indicazioni per lo svolgimento dell’attività. In questa sezione le istruzioni sono indirizzate direttamente ai docenti.

h

Attività 1: Il docente scrive da solo.

è la meno strutturata, in quanto consiste nella scrittura di un libro di testo digitale concepito dal docente come il maggiormente adeguato alle caratteristiche della classe e il più adatto per la sua idea di sviluppo dei contenuti disciplinari.

ATTIVITÀ 1: “IL LIBRO CHE VORREI…”
Condizioni di migliore applicabilità

Questa attività può essere svolta da docenti di ogni ordine e grado, di materia e di sostegno, in maniera individuale, senza restrizioni disciplinari. Il gruppo target indiretto sono gli studenti della classe, una volta che la stesura del libro di testo digitale è stata completata.

Requisiti

Dispositivi digitali (computer, tablet o smartphone), connessione internet. 
Per questa attività si consiglia un confronto con un docente di sostegno, se si trova nel gruppo degli insegnanti della classe, per adottare le misure compensative adeguate da indirizzare agli studenti con BES.

Descrizione

Fase 1: Progetto

Identifica un argomento o una serie di argomenti e pianifica come svilupparli all’interno di Social Books Creator. In questa fase, è importante considerare la composizione della classe, per scegliere una configurazione appropriata per l’eBook.

Ipotesi: in classe ci sono 22 studenti, uno di essi ha una disabilità intellettiva lieve, 2 hanno una disabilità intellettiva grave e 4 studenti hanno un background migratorio e di conseguenza la loro conoscenza della lingua è scarsa.

Data la situazione, pianifica quali contenuti e quali misure grafiche sono necessarie per ottenere un eBook accessibile ed inclusivo. Probabilmente potresti preferire frequenti riferimenti visivi piuttosto che un flusso continuo di testo scritto e favorire paragrafi brevi intervallati da immagini o video importati dal web o caricati da un archivio locale.

In questa fase, puoi anche definire le impostazioni generali (il contrasto della UI e lo stile tipografico sia della copertina che del testo interno).

Fase 2: Ricerca

Una volta che hai previsto le impostazioni generali e una bozza dell’impaginazione dell’eBook, puoi cominciare la ricerca. A questo punto, gli sforzi saranno diretti alla selezione di risorse scritte e multimediali, digitali o cartacee. Presta attenzione e tieni a mente le caratteristiche della classe summenzionate e raccogli i materiali di studio da inserire nell’eBook.

Fase 3: Organizzazione e struttura

Dopo questa selezione raccolta, organizza i vari materiali di studio e trasformali in una composizione organica. Un valido supporto è offerto da due strumenti interni a SBC. Se hai già un’idea chiara della sequenza degli argomenti, puoi innanzitutto elaborare la struttura dei capitoli e dei sotto capitoli e successivamente trasporre lo sviluppo di ogni argomento in una mappa concettuale all’inizio di ogni capitolo, ma nella sezione Editor. Questa mappa ha due funzioni importanti: ti supporterà nel processo di creazione (come una sorta di brainstorming individuale), ma sarà anche molto utile per gli studenti. Uno schema o una mappa concettuale all’inizio di un testo ha la funzione di ciò che nella formazione scolastica è chiamato “organizzatore anticipato”, un mediatore didattico che prepara l’attenzione degli studenti e attiva le loro conoscenze pregresse, aumentando il loro coinvolgimento e il loro interesse.

Fase 4: Scrittura

È tempo di scrivere, comporre e inserire contenuti multimediali esterni. Facile a dirsi, ma questa sarà con ogni probabilità la fase che occuperà una parte importante del tuo tempo. Non preoccuparti! Sarai sicuramente ricompensato dall’entusiasmo dei tuoi studenti.

Fase 5: Presentazione

La presentazione della versione finale dell’eBook alla classe deve essere considerata una parte integrante del processo di creazione e rappresenta un’opportunità di confronto con i tuoi studenti.

h

Attività 2: Il docente crea un gruppo con altri colleghi.

coinvolge, almeno all’inizio, solo docenti di specifiche materie, ma può anche essere riprogettata come una scrittura collaborativa tra docenti di diverse materie, per pianificare un’unità didattica interdisciplinare.

ATTIVITÀ 2: “CONOSCENZA SENZA CONFINI”
Condizioni di migliore applicabilità

Questa attività può essere svolta da docenti di ogni ordine e grado, di materia e di sostegno, senza restrizioni disciplinari. Il gruppo target indiretto sono gli studenti della classe, una volta che la stesura del libro di testo digitale è stata completata.

Requisiti

Dispositivi digitali (computer, tablet o smartphone), connessione internet. 

Per questa attività, inoltre, si richiede una collaborazione reciproca tra docenti di materia e di supporto per identificare le misure necessarie per progettare un Social Book inclusivo.

Descrizione

Fase 1: Argomento e obiettivi

Identificate un argomento e concentratevi sulle possibili connessioni interdisciplinari. Individuate gli obiettivi dell’unità.

Esempio: le materie sono Matematica e Letteratura. L’argomento generale è una panoramica degli usi delle metafore geometriche nella letteratura medievale.

Fase 2: Co-progettazione

Tracciate la distribuzione dei contenuti e una bozza dell’impaginazione e pianificate la struttura dell’unità interdisciplinare. Prestate particolare attenzione alla co-progettazione dei contenuti e dell’impaginazione in base alle indicazioni del docente di sostegno.

Fase 3: Ricerca e condivisione

Cominciate entrambi (docente di materia e docente di sostegno) la ricerca e selezionate i materiali audiovisivi, i link e gli altri materiali di lettura. Potete condividere questi risultati in una cartella di un servizio cloud (Drive, Dropbox, iCloud…).

Fase 4: Comparazione e progetto

Terminata la raccolta e la selezione dei materiali, cominciate le operazioni di assemblaggio: comparate le risorse, definite le vostre priorità e progettate la sequenza logica delle connessioni tra le materie. Come nell’Attività 1, potete approfittare delle funzionalità di SBC, come la struttura dei capitoli e le mappe concettuali.

Fase 5: Scrittura

È tempo di scrivere, comporre e inserire contenuti multimediali esterni. Facile a dirsi, ma questa sarà con ogni probabilità la fase che occuperà una parte importante del vostro tempo.

Importante: la scrittura collaborativa richiede la creazione di un gruppo su Social Books Creator da parte di uno dei docenti coinvolti. Durante le fasi di scrittura, se un membro del gruppo vuole apportare dei cambiamenti al libro di testo digitale, tali modifiche dovranno essere approvate dal proprietario del gruppo prima di diventare definitive. Il proprietario del gruppo riceverà una notifica con le modifiche proposte e da quel momento i co-autori potranno discutere e confrontarsi per raggiungere una soluzione condivisa che sarà infine approvata dal proprietario del gruppo. Tale lavoro di mediazione deve essere svolto al di fuori della web app e utilizzando altri canali (e-mail, chat, dibattiti).

Fase 6: Presentazione

La presentazione della versione finale dell’eBook alla classe deve essere considerata una parte integrante del processo di creazione e rappresenta un’opportunità di confronto tra voi e i vostri studenti.

Può essere utile prevedere una compresenza la prima lezione in compresenza, durante la quale il gruppo di docenti che ha lavorato alla realizzazione del Social Book introduce alla classe i motivi e gli obiettivi dell’unità interdisciplinare.

h

Attività 3: Il docente crea un gruppo con gli studenti della classe.

può essere considerata la massima espressione delle potenzialità di SBC come vera metodologia. In questa forma di scrittura collaborativa, il docente modifica il suo ruolo per diventare un mediatore della conoscenza e un mediatore della ricerca e della creazione collettiva.

ATTIVITÀ 3: POSSIAMO ESSERE AUTORI!
Condizioni di migliore applicabilità

Questa attività può essere svolta dai docenti (di materia e di sostegno, senza restrizioni disciplinari) e dagli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Requisiti

Dispositivi digitali (computer, tablet o smartphone), connessione internet. Un dispositivo per studente o, se l’attività viene svolta in piccoli gruppi, un dispositivo per gruppo per le fasi da sviluppare in classe.

Questa attività richiederà un tempo di preparazione maggiore rispetto alle altre, in base all’estensione dell’argomento da prendere in esame.

Descrizione

Fase 1: Argomento e obiettivi

Nella prima fase scegli con i tuoi studenti l’argomento del Social Book (potrebbe essere l’intero programma della materia di studio, o soltanto alcuni moduli didattici). Fornisci alcune possibili alternative alla classe o illustra un argomento stabilito preventivamente; successivamente, decidi con gli studenti quali sono gli obiettivi finali dell’attività.

Fase 2: Divisione degli studenti in gruppi

Dopo la scelta dell’argomento, dividi gli studenti in piccoli gruppi. Il criterio per la suddivisione in gruppi può essere basato sugli stili cognitivi degli studenti: per esempio, un gruppo può ricercare i file di immagini e i video, un altro gruppo può concentrarsi sulle risorse scritte e così via. La ricerca dei materiali può essere condotta dagli studenti in classe o a casa, in base al livello di autonomia degli studenti e, dunque, alla loro età. Gli studenti accompagnati ad un docente di sostegno lavoreranno in classe all’interno del loro gruppo. I materiali raccolti possono essere condivisi in una cartella di un servizio cloud (Drive, Dropbox, iCloud…).

Fase 3: Selezione dei materiali

Una volta raccolti i materiali in classe, fai una selezione di quello che va tenuto e trasferito nel Social Book con i tuoi studenti. In questa fase (o nella fase 2), si consiglia di introdurre una discussione riguardo alle licenze dei contenuti scaricati dal web e il loro eventuale riutilizzo o modifica.

Importante: è altamente consigliato che tu abbia già lavorato sul tema della ricerca di contenuti sul web con i tuoi studenti: in particolare, gli studenti devono essere in grado di utilizzare adeguatamente i canali di ricerca, di distinguere un documento scientificamente valido da uno non altrettanto strutturato, di operare una selezione critica degli elementi forniti da un browser comune, e così via. In caso contrario, hai il compito di rendere accessibili agli studenti dei contenuti già filtrati.

Fase 4: Progettazione e struttura

Terminata la raccolta e la selezione dei materiali, comincia le operazioni di assemblaggio con i tuoi studenti: definisci le loro priorità e un ordine di lavoro, progettate una sequenza accessibile delle connessioni tra i materiali, ipotizzate una lista di argomenti. Come nell’Attività 1, potete approfittare delle funzionalità di SBC, come la struttura dei capitoli e le mappe concettuali.

Fase 5: Scrittura

È tempo di scrivere, comporre e inserire contenuti multimediali esterni. La divisione in gruppi serve ancora, ma non necessariamente basata sugli stessi criteri utilizzati nella fase 2.

Crea il “gruppo di autori” e invita i tuoi studenti a partecipare.

Ad ogni gruppo deve essere assegnato un capitolo o un sotto capitolo e successivamente possono cominciare a lavorare in autonomia sullo sviluppo della loro parte, con la supervisione del docente di materia e del docente di sostegno (se presente).

Se un membro del gruppo vuole apportare cambiamenti al libro di testo digitale, tali modifiche dovranno essere approvate dal proprietario del gruppo prima di diventare definitive. Il proprietario del gruppo riceverà una notifica con le modifiche proposte e da quel momento i co-autori potranno discutere e confrontarsi per raggiungere una soluzione condivisa che sarà infine approvata dal proprietario del gruppo. Tale lavoro di mediazione deve essere svolto al di fuori della web app e utilizzando altri canali (e-mail, chat, dibattiti).

Per te potrebbe essere interessante osservare e valutare la capacità dei tuoi studenti nella gestione della scrittura collaborativa, che rappresenta un esempio di apprendimento cooperativo.

Fase 6: Presentazione

La presentazione della versione finale dell’eBook alla classe deve essere considerata una parte integrante del processo di creazione e rappresenta un’opportunità di confronto tra te e i tuoi studenti.

SCOPRI ALL IN TEACHER KIT!